Portalitu de sa Lingua e Cultura Sarda - Portale della Lingua e Cultura Sarda

Portalitu de sa Lingua e Cultura Sarda - Portale della Lingua e Cultura Sarda

PROGETU TOTUS IMPARI PO SU SARDU

Totus Impari po su Sardu est unu progetu fatu de sa Tzitadi Metropolitana de Casteddu in s'ambitu de su programma de sa Regioni Autònoma de sa Sardigna po s'amparu de is minorias linguisticas chi si fueddant in s'isula, finanziau de sa lei 482/1999 e de da lei regionali 6/2012.

Su progetu tenit sa Tzitadi Metropolitana cumenti enti capofila cun sa gestioni de is atividadis a manera agregada impari a is comunus chi ant aderiu: Assèmini, Casteddu, Cabuderra, Su Masu, Maracalagonis, Pauli, Pula, Quartu Sant'Aleni, Sarrocu, Ceràxius, Sestu e Santu Perdu.

Obietivus de custa atividadi fata impari funti:
- Favoressi su de torrai a cunsiderai sa lìngua sarda cumenti fundamentu po s'identidadi e relata;
- Sensibilizai is aministratzionis localis apitzus de s'importànzia e s'impreu de sa lingua sarda;
- Produsi tradusiduras in sardu e ddus pònniri a disponimentu de is utentis;
- Torrai in possessu de su patrimòniu linguìsticu chi est rapresentau de is "fueddus pèrdius" cun sa collaboratzioni de totu i tzitadinus chi ant a bolli fai parti de su progetu po s'opoderamentu de s'identidadi linguistica.

Su progetu prevedit tres tipologias de servitzius e atividadis po s'amparu e sa valoritzazioni de sa lìngua e cultura sarda: :
1. Sportellus linguisticus
2. Formatzioni linguistica
3. Laboratòrius de mùsica in lìngua sarda

PROGETTO TOTUS IMPARI PO SU SARDU 

Totus Impari po su Sardu è un progetto presentato dalla Città Metropolitana di Cagliari nell’ambito del programma della Regione Autonoma della Sardegna di tutela della minoranze linguistiche parlate nell’Isola, finanziato dalla legge 482/1999 e dalla legge regionale 6/2012.

Il progetto vede la Città Metropolitana come ente capofila e prevede la gestione delle attività in forma aggregata unitamente ai comuni che hanno aderito: Assemini, Cagliari, Capoterra, Elmas, Maracalagonis, Monserrato, Pula, Quartu, Sarroch, Selargius, Sestu, Sinnai, Uta e Villa San Pietro.

Gli obiettivi di questa azione sinergica sono molteplici:
- Favorire la riappropriazione della lingua sarda quale fondamentale strumento identitario e di relazione;
- Sensibilizzare le amministrazioni locali sull'importanza e sull'uso della lingua sarda;
- Produrre traduzioni di testi in sardo e renderli fruibili agli utenti;
- Recuperare quella parte del patrimonio linguistico rappresentata dalle 'parole perdute' ideando delle forme di collaborazione con tutti i cittadini che vorranno cooperare per favorire la riappropriazione dell'identità linguistica.

Il progetto prevede tre tipologie di servizi e attività, finalizzati alla tutela e alla valorizzazione della lingua e della cultura sarda:
1. Sportelli della lingua sarda
2. Corsi lingua sarda
3. Laboratori musicali lingua sarda

Ultimo aggiornamento del 14/05/2021

Navigation Menu